+ Filtri
Nuova Ricerca
Filtri
Disponibile Parole esatte Solo nel titolo
e-shopCaricamento...
QualitàCaricamento...
PrezzoCaricamento...

bry_822863 - LOUIS XVI Louis d'or aux écus accolés 1788 Paris

LOUIS XVI Louis d or aux écus accolés 1788 Paris BB
non disponibile.
Articolo venduto sul nostro negozio (2023)
Prezzo : 600.00 €
Tipo : Louis d'or aux écus accolés
Data: 1788 2e
Nome della officina / città: Paris
Quantità coniata : 837086
Metallo : oro
Titolo in millesimi : 917 ‰
Diametro : 23,5 mm
Asse di coniazione : 6 h.
Peso : 7,59 g.
Orlo : fleuronnée
Commenti sullo stato di conservazione:
Ce louis est frappé sur un flan un peu court et irrégulier laissant apparaître une partie du grènetis. Des traces d’usure ainsi que des concrétions sont visibles à l’avers et au revers. Légères traces de nettoyage
N° nelle opere di riferimento :

Diritto


Titolatura diritto : LUD. XVI. D. G. FR. - ET NAV. REX.
Descrittivo diritto : Tête nue de Louis XVI à gauche, signé DU VIV sur la tranche du cou ; (Mm) sous la tête.
Traduzione diritto : (Louis XVI, par la grâce de Dieu, roi de France et de Navarre).

Rovescio


Titolatura rovescio : CHRS. REGN. VINC. IMPER (MG) 1788.
Descrittivo rovescio : Deux écus accolés de France et de Navarre, sous une couronne ; au-dessous lettre d'atelier.
Traduzione rovescio : (Le Christ règne, vainc et commande).

Cronistoria


LOUIS XVI

(10/05/1774-21/01/1793)

Nato a Versailles nel 1754, Luigi XVI era figlio di Luigi, Delfino di Francia e Marie-Josèphe de Saxe. Nel 1774, re alla morte del suo avo Luigi XV, chiamò al suo fianco il vecchio conte di Maurepas, caduto in disgrazia dal 1749, e ben presto separato dai ministri del suo predecessore, questo "triumvirato" formato dal cancelliere Maupeou, l'abate Terray e il duca d'Aiguillon, che, attraverso la sua politica autoritaria, aveva appena restaurato l'autorità reale. Il vecchio Parlamento di Parigi, abolito dal 1770, è stato restaurato. Il 24 agosto 1774, Luigi XVI licenziò Terray e nominò Turgot Comptroller General of Finances. Rifiutandosi di essere un semplice "collezionista" durante il suo ministero, Turgot moltiplicò le riforme economiche. Alla fine del 1775, il Comptroller General aveva avviato il risanamento finanziario: le tasse portarono 327 milioni, 67 in più dell'anno precedente; il disavanzo è stato ridotto a 15 milioni. Ma i suoi piani feriscono troppi interessi acquisiti. Tutto era contro di lui: i devoti, i parlamenti, il partito Choiseul, la regina Maria Antonietta, il cui ruolo era incredibilmente nefasto, la Corte, i finanzieri. Aveva bisogno del sostegno di un despota illuminato, e Luigi XVI non era né abbastanza despota né abbastanza illuminato.. La rivolta delle colonie inglesi in America, nel 1775, riscaldò gli animi in Francia. Un intero partito voleva cancellare il ricordo della disastrosa Guerra dei Sette Anni. Il 9 maggio 1776 un consiglio segreto, dal quale era escluso Turgot, decise di entrare in guerra; il 12, il Controllore Generale è stato destituito contemporaneamente al Guardasigilli Malesherbes, dopo un ministero durato meno di due anni. Grazie all'aiuto francese, gli insorti prevalsero in America e il Trattato di Versailles (1783) riconobbe l'indipendenza degli Stati Uniti.. Ma la Francia aveva guadagnato poco in questa guerra che aumentò le difficoltà finanziarie dello Stato. Anche Necker, successore di Turgot dal 1777 al 1781, dovette cedere davanti alla coalizione dei privilegiati. Con l'aggravarsi della crisi finanziaria, il re convocò un'Assemblea dei Notabili (1787), che rifiutò le modifiche necessarie. Necker, richiamato agli affari (1788), fece decidere al re di convocare gli Stati Generali, i primi dal 1614. La prima parte del regno di Luigi XVI fu segnata da numerose riforme: istituzione del Mont-de-Piété (1777), abolizione della servitù della gleba nel dominio reale (1779), abolizione della questione preparatoria (1780), creazione della scuola delle miniere (1783), inizio della diga di Cherbourg e del Canal du Centre (1784), libertà del commercio del grano (1787), editto di tolleranza a favore dei protestanti (1788). In generale, una generazione di intenditori di alto rango continuò l'opera dei loro predecessori durante il regno di Luigi XV.. Ma queste riforme non sono bastate a fermare la marcia del tempo. Nominando i suoi rappresentanti, la nazione rinnegò dal Consiglio e dalle intendenze gli amministratori illuminati. Dal 1789 al 1792, in tre brevi anni, l'antico edificio politico e sociale crollò irreparabilmente. Il gigante del Grand Siècle era vissuto. Inaugurati il 5 maggio 1789, gli Stati Generali si autoproclamarono Assemblea Nazionale il 17 giugno e, il 4 agosto, abolirono i vecchi privilegi. Tuttavia, i fratelli del re lasciarono la Francia. In ottobre, la famiglia reale fu riportata a Parigi e l'Assemblea la seguì: d'ora in poi, la storia della Francia sarebbe stata scritta nella capitale.. La Rivoluzione continuò e, con il passare del tempo, Luigi XVI, che approvava solo a voce le trasformazioni in corso, non fu altro che il giocattolo degli eventi.. Riportato a Parigi dopo il fallimento della fuga all'estero (giugno 1791), dovette sancire la nuova costituzione che lo ridusse al grado di primo funzionario dello Stato.. La guerra contro l'Austria, voluta da Luigi XVI (aprile 1792), precipitò la caduta del regime. Accusato di doppiezza, il re fu rovesciato dalla rivolta parigina e l'Assemblea legislativa dovette approvare l'abolizione della monarchia (10 agosto 1792) prima di dare il via a una Convenzione nazionale. Fu davanti a questo corpo che si svolse il processo al re (dicembre 1792-1793), il quale, condannato a morte, fu giustiziato il 21 gennaio 1793.. Con il regno di Luigi XVI, la storia della monarchia francese giunge davvero al termine.. Senza dubbio ci saranno ancora re di Francia, una Restaurazione, questa "commedia di quindici anni", un re di Francia, due imperatori, senza dubbio la Francia impiegherà un secolo per affermarsi definitivamente come Repubblica, ma era nel 1792 che si spezzava la catena del tempo, ininterrotta da quindici secoli, nello stesso momento in cui si spezzava il legame d'amore tra il monarca ei suoi sudditi.. Costantemente inferiori al loro compito sin dalla loro ascesa al trono, Luigi XVI e sua moglie hanno mostrato una dignità e un coraggio eccezionali non appena ne sono scesi.. Il loro lungo martirio, dall'agosto 1792 al luglio 1793, corona il destino di una monarchia che, fin dalla sua nascita, si era vantata di essere tutta cristiana..

cgb.fr uses cookies to guarantee a better user experience and to carry out statistics of visits.
To remove the banner, you must accept or refuse their use by clicking on the corresponding buttons.

x
Would you like to visit our site in English? https://www.cgbfr.com