+ Filtri
Nuova Ricerca
Filtri
Disponibile Parole esatte Solo nel titolo
e-shopCaricamento...
QualitàCaricamento...
PrezzoCaricamento...

fjt_450321 - CONSEIL DU ROI Louis XIII 1636

CONSEIL DU ROI Louis XIII q.SPL
200.00 €
Quantità
Aggiungi al carrelloAggiungi al carrello
Tipo : Louis XIII
Data: 1636
Metallo : argento
Diametro : 27 mm
Asse di coniazione : 6 h.
Peso : 5,07 g.
Orlo : lisse
Grado di rarità : R1
Commenti sullo stato di conservazione:
Jolie patine
N° nelle opere di riferimento :

Diritto


Titolatura diritto : NIL. NISI. CONSILIO.
Descrittivo diritto : Écu de France couronné avec deux doubles L couronnés au deuxième cordon.
Traduzione diritto : Rien sans le Conseil.

Rovescio


Titolatura rovescio : HAEC. META. LABORVM ; À L'EXERGUE : 1636.
Descrittivo rovescio : Une massue tenue par une main céleste assomant l'hydre.
Traduzione rovescio : Voici le terme des travaux.

Commento


La gravure du revers est d’une qualité remarquable.

Cronistoria


CONSIGLIO DEL RE

Nel Medioevo, il re discute questioni importanti con la Corte, composta dai grandi dignitari feudali ed ecclesiastici. Il Tribunale del re feudale (la "curia regis") gradualmente staccare diverse istituzioni tra cui il Parlamento e la Corte dei Conti, nel XIV secolo, poi sotto Luigi XI, il Gran Consiglio, i cui membri sono scelti dal Re. Il ruolo di consigliere del re, seduto in consiglio, non si limita a utilizzare una gestione unica, ma comporta un interesse beneficiario negli affari del regno. Durante i secoli XIV e XV, il "Gran Consiglio" diventa il Consiglio di Stato per gli affari politici, amministrativa, finanziaria e giudiziaria. Si compone di principi del sangue e coetanei, i grandi ufficiali della Corona e dignitari del Regno scelti dal re. Nel 1497, una sezione giurisdizionale si stacca e prende il nome del Gran Consiglio, a giudicare gli affari ecclesiastici e conflitti di competenza tra le Corti supreme. Nel XVI secolo, la complessità del business ha costretto i governanti di condividere Consiglio del Re in sezioni specializzate: Business Council per gli affari politici, il Consiglio dei Parti (o Privy Council) per l'attività ordinaria della giustizia e dell'amministrazione; e più importante Consiglio di Stato per gli affari della interni ed esterni. Non è stato fino al regno di Luigi XIV per vedere se l'attuazione Consiglio del Re come sarà fino alla fine dell'ancien regime, vale a dire, divisa in quattro sezioni: il Consiglio 'On High (o Consiglio di Stato), che si riunisce 2-3 volte a settimana intorno al re e ministri di Stato per affrontare il business più importante del Regno e del Consiglio, del Dispatches per gli Affari interni e della Consiglio Finance presieduto dal re e compreso il Controllore Generale delle Finanze (per le questioni di bilancio, la distribuzione delle dimensioni, ecc. ), Il Consiglio di Stato privato, finanza e gestione, presieduto dal re o dal Cancelliere e si compone di trenta consiglieri di Stato e maestri di richieste su 80 per risolvere le controversie private, editti preparazione e ordini del re, istruire affari finanziari e risolvere le controversie amministrative. Bibliografia di riferimento: barbiche, Bernard, "Le istituzioni francesi della monarchia francese in epoca moderna", Parigi, 1999; BLUCHE, Francis, "il vecchio regime. Istituzioni e società ", Parigi, 1993; Harouel, Jean-Louis, Jean Barbey, BOURNAZEL Eric, Thibaut-Payen Jacqueline," Storia delle istituzioni del periodo franco Rivoluzione ", Parigi, 1996.

Se usi cgbfr.it, accetti il modo in cui usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza.

x
Would you like to visit our site in English? www.cgbfr.com