CGB.FR CONTINUES TO HANDLE YOUR DELIVERIES!
+ Filtri
Nuova Ricerca
Filtri
Disponibile Parole esatte Solo nel titolo
e-shopCaricamento...
QualitàCaricamento...
PrezzoCaricamento...

fme_523196 - HENRY II Médaille surmoulée d’Étienne de Laulne

HENRY II Médaille surmoulée d’Étienne de Laulne BB
200.00 €
Quantità
Aggiungi al carrelloAggiungi al carrello
Tipo : Médaille surmoulée d’Étienne de Laulne
Data: 1552
Metallo : bronzo
Diametro : 53,5 mm
Incisore Etienne de Laulne
Peso : 55,26 g.
Orlo : lisse
Grado di rarità : R1
Commenti sullo stato di conservazione:
Exemplaire percé à 12 heures. Présence de petits coups et rayures. Une légère porosité est visible dans les champs
N° nelle opere di riferimento :
TNG XII, 1 - Maz.99 - Jones 65

Diritto


Titolatura diritto : HENRICVS. II. GALLIARVM REX INVICTISS. PP..
Descrittivo diritto : Buste cuirassé et lauré à droite, avec le collier de l’ordre de Saint-Michel.
Traduzione diritto : (Henri II, invincible roi des Francs, Père de la patrie).

Rovescio


Titolatura rovescio : (LAURIER) OB RES IN - ITAL. GERM. ET GAL. FORTIFER AC FOEL - IC. GESTAS.
Descrittivo rovescio : La Victoire tenant une palme et l’Abondance tenant une corne d’abondance, assise dans un char dirigé par la Renommée, tenant une trompette d’où tombe un drapeau aux armes de France, le tout sur les armes des vaincus ; à l’exergue EX VOTO PVB/ 1552.
Traduzione rovescio : (Pour la conduite réussie et courageuse des affaires d’Italie, Allemagne et France - Par la volonté du peuple).

Commento


Médaille attribuée à De Laulne par Mazard qui trouve une similarité de style avec celles signées S (Stephanus pour Étienne). Fonte ancienne (l’original est frappé).

Cronistoria


HENRI II

(31/03/1547-10/07/1559)

Nato a Saint-Germain-en-Laye nel 1519, Enrico II era il secondo figlio di Francesco I e di Claude de France. Dolphin morte dei suoi François Vecchio (1536), salì al trono nel 1547. Proseguendo la politica di suo padre, il nuovo re ben presto entrò in conflitto con l'imperatore in Oriente e in Italia. Vittorioso nel 1552 (spedizione contro Metz), battuto a Saint-Quentin (1557), nuovamente vittorioso a Calais e Gravelines (1558), Enrico II riesce meglio di suo padre. Un'era si conclude con la firma del Trattato di Le Cateau (2 e 3 aprile 1559): la Francia ha mantenuto il Calais e senza nemmeno menzionato esplicitamente, ha mantenuto i tre vescovati (Metz, Toul e Verdun), ma alla fine rinunciò sogno italiano. Elisabetta sposò Filippo II di Francia, figlia di Enrico II, e Emanuele Filiberto di Savoia Margherita, figlia di Francesco I.. Suo fianco, Carlo ha dovuto abbandonare la monarchia universale e condividere il suo vasto impero in monarchia spagnola e la monarchia germanica, che mantengono il titolo imperiale. Abdicò nel 1556. La stessa continuità emerge nella politica interna. Il primo assolutismo dice, persecuzione contro i protestanti prende la sua ascesa: una casa ardente stabilito il Parlamento di Parigi per la lotta contro gli eretici. La definitiva stretta separazione Business Council o Consiglio del Gran Consiglio e del Consiglio Privy. L'istituzione del baliaggi présidiaux nel 1552, inteso ad accelerare il corso della giustizia, servito principalmente per ottenere denaro nelle casse reali. La corte di Francia è stata dominata da Diane de Poitiers, amante del re, dalla Constable de Montmorency, sempre un favorito, e tre fratelli Coligny: Odet, il vescovo-conte di Beauvais, Gaspard, ammiraglio nel 1551, François Dandelot , colonnello generale della Fanteria. Coligny si trovava faccia al partito di Guisa, cadetto della casa di Lorena Claude, duca e pari, il cardinale Jean de Lorraine, suo fratello sia morto nel 1550, e François de Guise, figlio di Claude e suo fratello Il cardinale Charles de Lorraine. L'autorità del re impedì queste rivalità degenerano. Il regno di Enrico II, ha visto in particolare lo sviluppo del protestantesimo in Francia, nella forma che è stato dato a lui da Calvino, che è fuggito a Ginevra, era padrone della città 1541-1564. Sposato con Caterina de 'Medici nel 1533, Enrico II ebbe tredici figli, cinque figlio. Tre di loro sono riusciti a lui: Francesco II (1559-1560), Carlo IX (1560-1574), Enrico III (1574-1589).

cgb.fr uses cookies to guarantee a better user experience and to carry out statistics of visits.
To remove the banner, you must accept or refuse their use by clicking on the corresponding buttons.

x
Would you like to visit our site in English? https://www.cgbfr.com