+ Filtri
Nuova Ricerca
Filtri
Disponibile Parole esatte Solo nel titolo
e-shopCaricamento...
QualitàCaricamento...
PrezzoCaricamento...

E-auction 33-11567 - bga_163915 - TESORO DI BRIDIERS (CREUSE) Drachme de Bridiers à la tête d’Apollon

TESORO DI BRIDIERS (CREUSE) Drachme de Bridiers à la tête d’Apollon MB/q.MB
Devi Sign-in ed essere un offerente approvato fare un'offerta, Login per fare offerte. Conti sono soggetti ad approvazione e di approvazione sono raggiunti entro 48 ore. Non aspettare fino al giorno di una vendita si chiude per registrarti.Confermando la tua offerta su questo oggetto ti impegni ad un contratto legalmente vincolante per l'acquisto di questo prodotto e fare clic su «offerta» costituisce accettazione dei termini di utilizzo de e-auctions cgb.fr. Offerta deve essere collocato in euro gli importi interi vendita only.The si chiuderà al momento sulla descrizione dell'oggetto, eventuali offerte pervenute al sito dopo l'orario di chiusura non verranno eseguite. Volte transmition possono variare e le offerte potrebbero essere respinto se si attende per gli ultimi secondi. Per ulteriori informazioni ckeck le FAQ.

SENZA COSTI PER GLI ACQUIRENTI.
Valutazione : 140 €
Prezzo : 43 €
Offerta maxima : 53 €
Data di fine vendita : 02 dicembre 2013 15:07:00
partecipanti : 8 partecipanti
Tipo : Drachme de Bridiers à la tête d’Apollon
Data: IIe siècle avant J.-C.
Metallo : argento
Diametro : 16 mm
Asse di coniazione : 2 h.
Peso : 3,73 g.
Grado di rarità : R3
Commenti sullo stato di conservazione:
Monnaie sur un flan un peu court et épais, avec un manque de métal à 12 heures au revers. Frappe décentrée des deux côtés. Usure importante, surtout au revers (difficilement identifiable), avec un métal granuleux. Un coup ou une rayure est à noter sous l'œil au droit
N° nelle opere di riferimento :

Diritto


Titolatura diritto : ANÉPIGRAPHE.
Descrittivo diritto : Tête d’Apollon laurée à droite.

Rovescio


Titolatura rovescio : ANÉPIGRAPHE.
Descrittivo rovescio : Animal hybride dérivé du lion des drachmes de Marseille ; (chaudron au-dessus ; ligne d’exergue).

Commento


Bien que très usée et un peu légère, cette monnaie est à rattacher aux drachmes au lion et au chaudron du trésor de Bridiers. L'usure importante et le manque de métal du revers justifient le poids léger, à moins qu'il s'agisse d'une frappe plus tardive avec un affaiblissement du poids ?.

Cronistoria


TESORO DI BRIDIERS (CREUSE)

(III - II secolo a.C.)

Scoperto intorno al 1861 e descritto nelle Memorie della Società di Scienze Naturali e Archeologiche della Creuse nel 1862 da A.. Fillioux, questo tesoro porta anche i nomi di Trésor de Brède o de Breith. Bridiers, frazione di La Souterraine (Creuse), si trova al limite settentrionale del territorio di Lémovices e molto vicino ad altri due popoli; Pictons a ovest e Bituriges Cubi a nord. A. Fillioux descrive 36 monete, un numero molto vicino a quello degli esemplari attualmente conosciuti nei musei di Guéret (5 esemplari), dell'UOMO di Saint-Germain-en-Laye (22 esemplari) e del Gabinetto delle medaglie di Parigi (8 esemplari). Se aggiungiamo le copie riportate in antiche collezioni private e se consideriamo le dotazioni originarie di Guéret (8 copie) e M.. A. NON. (29 copie), possiamo essere sicuri che la scoperta comprendeva più di 36 monete e probabilmente più di 50. Le monete sono in argento di ottima qualità e il peso medio di 76 esemplari (senza incidenti sformati) provenienti da questa bottega è di grammi 4,33, siamo infatti in presenza di dracme. Nonostante l'uso di questo standard monetario, queste monete non sono greche e nonostante la scelta dei prototipi iniziali, non sono né Massaliote né Emporitan. L'iconografia si ispira a importanti serie monetarie; statere d'oro di Filippo II di Macedonia, pesanti dracme di Marsiglia, dracme di Emporia. Avremo così la possibilità di una classificazione che tenga conto dei rovesci ma è ovvio che quella di Simone Scheers in cinque tipi tenendo conto dei rovesci è perfettamente utilizzabile. Adrien de Longpérier, tra il 1862 e il 1864, sarà il primo ad indicare ad A. Fillioux la singolarità dei rovesci di queste monete. Va notato che gli incisori a stampo hanno dimostrato una certa indipendenza; siamo in presenza di scelte ispiratrici e non di imitazioni più o meno maldestre. La trattazione di questi diversi temi utilizzerà anche un certo numero di simboli, il più notevole dei quali sarà il calderone, oggetto eminentemente celtico..

cgb.fr uses cookies to guarantee a better user experience and to carry out statistics of visits.
To remove the banner, you must accept or refuse their use by clicking on the corresponding buttons.

x
Would you like to visit our site in English? https://www.cgbfr.com