+ Filtri
Nuova Ricerca
Filtri
Disponibile Parole esatte Solo nel titolo
e-shopCaricamento...
QualitàCaricamento...
PrezzoCaricamento...

E-auction 31-10723 - fre_309523 - SICILE - ROYAUME DE SICILE - GUILLAUME II LE BON Follaro n.d. Messine

SICILE - ROYAUME DE SICILE - GUILLAUME II LE BON Follaro n.d. Messine q.BB
Devi Sign-in ed essere un offerente approvato fare un'offerta, Login per fare offerte. Conti sono soggetti ad approvazione e di approvazione sono raggiunti entro 48 ore. Non aspettare fino al giorno di una vendita si chiude per registrarti.Confermando la tua offerta su questo oggetto ti impegni ad un contratto legalmente vincolante per l'acquisto di questo prodotto e fare clic su «offerta» costituisce accettazione dei termini di utilizzo de e-auctions cgb.fr. Offerta deve essere collocato in euro gli importi interi vendita only.The si chiuderà al momento sulla descrizione dell'oggetto, eventuali offerte pervenute al sito dopo l'orario di chiusura non verranno eseguite. Volte transmition possono variare e le offerte potrebbero essere respinto se si attende per gli ultimi secondi. Per ulteriori informazioni ckeck le FAQ.

SENZA COSTI PER GLI ACQUIRENTI.
Valutazione : 80 €
Prezzo : 24 €
Offerta maxima : 40 €
Data di fine vendita : 18 novembre 2013 16:42:30
partecipanti : 6 partecipanti
Tipo : Follaro
Data: 1166-1189
Data: n.d.
Nome della officina / città: Messine
Metallo : rame
Diametro : 12,2 mm
Asse di coniazione : 12 h.
Peso : 2,20 g.
N° nelle opere di riferimento :

Diritto


Titolatura diritto : AL-MALIK / GHULYALIM / AL-THANI (EN ARABE).
Descrittivo diritto : Légende en trois lignes dans le champ.
Traduzione diritto : (Le roi Guillaume le second).

Rovescio


Titolatura rovescio : ANÉPIGRAPHE.
Descrittivo rovescio : Tête de lion.

Commento


L'atelier de Messine frappa des grands "follari" présentant une tête de lion et sur la face opposée un palmier.

Cronistoria


SICILE - ROYAUME DE SICILE - GUILLAUME II LE BON

(1166-1189)

I Normanni cacciarono i musulmani che occupavano la Sicilia dall'827. Nel 1091, dopo trent'anni di combattimenti, Ruggero I, fratello di Roberto il Guiscardo, divenne padrone dell'isola. Nel 1130 suo figlio, Ruggero II (1130-1154), si fece proclamare re di Sicilia, Puglia e Calabria. Alla morte di Ruggero II, suo genero Guglielmo I ereditò il regno. Quest'ultimo morì nel 1166 lasciando la Sicilia al figlio Guglielmo II. I re di Sicilia si allearono con il partito dei guelfi e si opposero al Sacro Romano Impero fino al 1186, anno in cui Costanza (vedova di Guglielmo I e figlia di Ruggero I) sposò l'imperatore Enrico VI. Guglielmo II morì tre anni dopo ei Siciliani preferirono lasciare la Sicilia a Tancredi, conte di Lecce.

cgb.fr uses cookies to guarantee a better user experience and to carry out statistics of visits.
To remove the banner, you must accept or refuse their use by clicking on the corresponding buttons.

x
Would you like to visit our site in English? https://www.cgbfr.com