+ Filtri
Nuova Ricerca
Filtri
Disponibile Parole esatte Solo nel titolo
e-shopCaricamento...
QualitàCaricamento...
PrezzoCaricamento...

brm_474027 - SETTIMIO SEVERO Denier

SETTIMIO SEVERO Denier SPL/q.SPL
145.00 €
Quantità
Aggiungi al carrelloAggiungi al carrello
Tipo : Denier
Data: 200
Nome della officina / città: Roma
Metallo : argento
Titolo in millesimi : 550 ‰
Diametro : 18,5 mm
Asse di coniazione : 6 h.
Peso : 3,20 g.
Officine: 2e
Commenti sullo stato di conservazione:
Superbe portrait. Fine usure au revers. Jolie patine grise de collection ancienne
N° nelle opere di riferimento :
Pedigree :
Cet exemplaire provient de la collection Michel Favé

Diritto


Titolatura diritto : SEVERVS AVG - PART MAX.
Descrittivo diritto : Tête laurée de Septime Sévère à droite (O*).
Traduzione diritto : "Severus Augustus Parthicus Maximus", (Sévère auguste grand parthique).

Rovescio


Titolatura rovescio : PROVID - AVGG.
Descrittivo rovescio : Providentia (la Providence) debout à gauche, tenant une baguette de la main droite et un sceptre de la gauche ; à ses pieds, un globe.
Traduzione rovescio : "Providentia Augustorum", (La Providence des augustes).

Cronistoria


Settimio Severo

(13/04/193-4/02/211) Lucius Septimius Severus

Settimio Severo è nato a Leptis Magna 146 in Africa (Libia). Dopo una carriera militare distinta sotto il regno di Marco Aurelio e Commodo, fu console nel 185 suffect. Al momento della morte di Pertinace, egli era governatore della Pannonia superiore. Acclamato imperatore il 13 aprile 193, si rimuove rapidamente Dide Julien, il suo connazionale (28 giugno), e combina la potenza Albin come Cesare prima di combattere Pescennius Niger in Oriente. Nel 195, è entrato a far fittiziamente in famiglia Antonine per essere adottato post-mortem. Ha sconfitto e giustiziato il Niger e conduce una brillante campagna in Arabia. Nel 197, egli si libera del suo ultimo avversario, Albin, che aveva proclamato agosto. Grave preparare l'istituzione della sua dinastia donando 194 titolo augusta Julia, la moglie di Cesare Caracalla nel 196, poi 198 in agosto, quando Geta, il suo secondo figlio, divenne Cesare. Grave spenderanno due anni per rafforzare i confini dell'impero vincendo molte vittorie sui Parti (197-198), seguita da Africa (207), e, infine, in Gran Bretagna (208-211), dove morì.

Se usi cgbfr.it, accetti il modo in cui usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza.

x
Would you like to visit our site in English? www.cgbfr.com