+ Filtri
Nuova Ricerca
Filtri
Disponibile Parole esatte Solo nel titolo
e-shopCaricamento...
QualitàCaricamento...
PrezzoCaricamento...

bpv_666237 - PROBO Tétradrachme

PROBO Tétradrachme q.SPL/SPL
70.00 €
Quantità
Aggiungi al carrelloAggiungi al carrello
Tipo : Tétradrachme
Data: an 5
Nome della officina / città: Alexandrie, Égypte
Metallo : rame
Diametro : 18 mm
Asse di coniazione : 11 h.
Peso : 7,25 g.
Commenti sullo stato di conservazione:
Très bel exemplaire, centré. Revers bien venu à la frappe. Patine foncée
N° nelle opere di riferimento :
Pedigree :
Exemplaire de la collection Aymé Cornu

Diritto


Descrittivo diritto : Buste lauré et cuirassé de Probus à droite drapé sur l’épaule, vu de trois quarts en avant (B*01).
Legenda diritto : A K M AUR PR-OBOS SEB, (Autokrator Kaisar Markos Aurhlios Probos Sebastos).
Traduzione diritto : (L'empereur césar Marc Aurèle Probus auguste).

Rovescio


Descrittivo rovescio : Niké (la Victoire) drapée marchant à droite, tenant une couronne de la main droite tendue et une palme de la main gauche.
Legenda rovescio : L-E.
Traduzione rovescio : (an 5).

Commento


Rubans de type 3.

Cronistoria


PROBO

(06-07/276-09/282)

Probo nacque il 19 agosto 232 a Sirmio. Condusse una brillante carriera militare durante i regni tra Valeriano I e Tacito. Comandante dell'esercito d'Oriente alla morte di Tacito, fu subito proclamato imperatore e trionfò facilmente su Floriano, che fu assassinato. La situazione è grave. Il limes renano-danubiano cedette sotto la pressione delle invasioni germaniche. Probo ristabilisce la pace in Gallia, in Germania poi in Rezia dove infligge una severa sconfitta ai popoli germanici, in Tracia dove schiaccia i Sarmati e gli Sciti, in Asia Minore che ripulisce da saccheggiatori e pirati della Panfilia, infine in Africa dove pone fine alle incursioni dei Blemmi. Nel 280 firmò la pace con Vahram II, monarca sassanide. Deve affrontare le usurpazioni di Saturnin, Bonose e Proculus. Probo, dopo aver trionfato su tutti i suoi avversari, tornò a Roma nel 281 e celebrò le sue vittorie. Prima di preparare una nuova spedizione contro i Sassanidi, cadde sotto i colpi dei suoi stessi soldati a Sirmio nel 282.

cgb.fr uses cookies to guarantee a better user experience and to carry out statistics of visits.
To remove the banner, you must accept or refuse their use by clicking on the corresponding buttons.

x
Would you like to visit our site in English? https://www.cgbfr.com