10% di sconto su oltre 60.000 monete, medaglie, jetons e banconote
+ Filtri
Nuova Ricerca
Filtri
Disponibile Parole esatte Solo nel titolo
e-shopCaricamento...
QualitàCaricamento...
PrezzoCaricamento...

brm_608636 - MASSIMIANO ERCOLE Follis

MASSIMIANO ERCOLE Follis SPL
150.00 €
Quantità
Aggiungi al carrelloAggiungi al carrello
Tipo : Follis
Data: 300
Nome della officina / città: Aquilée
Metallo : billone
Titolo in millesimi : 50 ‰
Diametro : 27 mm
Asse di coniazione : 7 h.
Peso : 9,41 g.
Officine: 2e
Commenti sullo stato di conservazione:
Monnaie idéalement centrée des deux côtés. Très joli portrait. La monnaie a conservé une partie de son argenture. Patine grise
N° nelle opere di riferimento :

Diritto


Titolatura diritto : IMP MAXIMIANVS P F AVG.
Descrittivo diritto : Buste nu, tête laurée de Maximien Hercule à droite (O*).
Traduzione diritto : "Imperator Maximianus Pius Felix Augustus", (Empereur Maximien Pieux Heureux Auguste).

Rovescio


Titolatura rovescio : SACRA MONET AVGG ET CAESS NOSTR// AQS.
Descrittivo rovescio : Moneta (la Monnaie) drapée, debout de face regardant à gauche, tenant une balance de la main droite et une corne d'abondance de la gauche.
Traduzione rovescio : "Sacra Moneta Augustorum Et Caesarum Nostri", (La Monnaie Sacrée de Nos Augustes et de Nos Césars) .

Cronistoria


Maximien HERCULES

(10/12/285-02/310) Marcus Aurelius Valerius Maximianus

Augusto I (1/04/286-1/05/305)

Massimiano è nato a Sirmio a 250. Ha "fronte bassa, viso rugoso, naso tromba, mento e collo spesso, barba ispida" dopo "imperatori romani", op. cit., p. 119. Questa descrizione in realtà non assomiglia i ritratti di argentei sono stereotipati e non necessariamente riconoscibili. Si è scelto da Diocleziano per aiutarlo. È la prima Cesare e agosto da aprile 286, ed è il fondamento della Dyarchie. Massimiano si trasferisce a Treviri e deve combattere contro le invasioni barbariche e l'usurpazione di Carausio in Gran Bretagna. Nel 293, la creazione della tetrarchia, che è assistito da Costanzo. Diocleziano Massimiano costretto ad abdicare il 1 ° maggio 305. Si risente pensione e sosterrà il figlio Massenzio quando coglie Roma 28 ottobre 306. Lui è tornato in agosto come 307 e aiuta Costantino al quale dà alla figlia Fausta in matrimonio. Massimiano fu costretto ad abdicare alla conferenza Carnuntum 11 novembre 308. Un'ultima volta, ha preso la viola primi 310 a Marsiglia prima di suicidarsi o essere uccisa.

cgb.fr uses cookies to guarantee a better user experience and to carry out statistics of visits.
To remove the banner, you must accept or refuse their use by clicking on the corresponding buttons.

x
Would you like to visit our site in English? https://www.cgbfr.com