DELIVERY INFORMATION: ORDERS OF OVER €100 ARE DISPATCHED VIA DHL ON MONDAYS / TUESDAYS / THURSDAYS
+ Filtri
Nuova Ricerca
Filtri
Disponibile Parole esatte Solo nel titolo
e-shopCaricamento...
QualitàCaricamento...
PrezzoCaricamento...

fco_108663 - MAROCCO - PROTETTORATO FRANCESE 500 Francs Empire chérifien Mohammed V AH137 1956 Paris

MAROCCO - PROTETTORATO FRANCESE 500 Francs Empire chérifien Mohammed V AH137 1956 Paris SPL
40.00 €
Quantità
Aggiungi al carrelloAggiungi al carrello
Tipo : 500 Francs Empire chérifien Mohammed V AH137
Data: 1956
Nome della officina / città: Paris
Quantità coniata : 2000000
Metallo : argento
Titolo in millesimi : 900 ‰
Diametro : 36 mm
Asse di coniazione : 6 h.
Peso : 22,50 g.
Orlo : striée
N° nelle opere di riferimento :

Diritto


Titolatura diritto : MOHAMMED V.
Descrittivo diritto : Buste à gauche du roi Mohammed V.

Rovescio


Titolatura rovescio : 500 FRANCS / EMPIRE CHÉRIFIEN / 1956-1376.
Descrittivo rovescio : Couronne au centre d’une étoile à cinq branche .

Cronistoria


MAROCCO - protettorato francese

1912-1956

Marocco si sta aprendo al commercio europeo alla fine del XVIII secolo. Il Paese resta diviso tra l'influenza francese del XIX secolo (il bombardamento di Tangeri e Mogador), inglese e spagnolo ed è diventato un problema nella rivalità dei suoi poteri, auquelles si unisce la Germania nel 1905. L'incidente Agadir 1911 è impostato attraverso negoziati tra Francia e Germania che accetta il protettorato francese sul Marocco contro una striscia di territorio in Congo. Lyautey, residente generale, pacificare il paese, mentre l'Alto Atlante resiste fino al 1934. In seguito a grandi opere, il paese viene rapidamente convertito ma la Francia impone aumentando la sua diretta amministrazione, indipendentemente dal protettorato. Il nazionalismo cessa di guadagnare terreno e la disfatta del 1940 che porta a proteste sempre più importanti.

Se usi cgbfr.it, accetti il modo in cui usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza.

x
Would you like to visit our site in English? www.cgbfr.com