+ Filtri
Nuova Ricerca
Filtri
Disponibile Parole esatte Solo nel titolo
e-shopCaricamento...
QualitàCaricamento...
PrezzoCaricamento...

bry_583592 - LOUIS XVI Sol dit "à l'écu" 1782 Aix-en-Provence

LOUIS XVI Sol dit  à l écu  1782 Aix-en-Provence BB
90.00 €
Quantità
Aggiungi al carrelloAggiungi al carrello
Tipo : Sol dit "à l'écu"
Data: 1782
Nome della officina / città: Aix-en-Provence
Metallo : rame
Diametro : 29 mm
Asse di coniazione : 6 h.
Peso : 12,53 g.
Orlo : lisse
Commenti sullo stato di conservazione:
Ce sol est frappé sur un flan large et régulier. Exemplaire recouvert d’une patine marron. Petite faiblesse de frappe à la base de l’écu
N° nelle opere di riferimento :

Diritto


Titolatura diritto : LUDOV. XVI. - D. GRATIA.
Descrittivo diritto : Tête de Louis XVI à gauche, ceinte d'un bandeau ; sous la tête, (Mm).
Traduzione diritto : (Louis XVI, par la grâce de Dieu).

Rovescio


Titolatura rovescio : (MG) FRANCIÆ ET - & - NAVARRÆ REX 17-82.
Descrittivo rovescio : Écu de France couronné.
Traduzione rovescio : (Roi de France et de Navarre).

Cronistoria


LOUIS XVI

(10/05/1774-21/01/1793)

Nato a Versailles nel 1754, Luigi XVI era il figlio di Luigi, Delfino di Francia, e di Marie-Josephe de Saxe. Nel 1774, il re alla morte del nonno, Luigi XV, ha chiamato per lui il vecchio conte de Maurepas, caduto in disgrazia dal 1749, e si sciolse presto ministri del suo predecessore, questo "triumvirato" formato dal Cancelliere Maupeou l' Terray e il duca d'Aiguillon, che, con la sua politica autoritaria, venuto a restaurare l'autorità reale. L'ex Parlamento di Parigi, soppressa dal 1770, è stata restaurata. Il 24 agosto 1774, Luigi XVI di cui Terray e Turgot nominato Controllore Generale delle Finanze. Rifiutando di essere un semplice "collettore money" durante il suo ministero, Turgot moltiplicato le riforme economiche. Fine 1775, il Controllore Generale aveva avviato il risanamento finanziario: la tassa riportato 327 milioni, 67 in più rispetto all'anno precedente, il disavanzo è stato ridotto a 15 milioni. Ma i suoi piani sono stati male interesse troppo speciale. Tutto era contro di lui devoti, i parlamenti, il partito Choiseul, la regina Maria Antonietta, il cui ruolo era incredibilmente dannoso, il Tribunale, la finanziaria. Ha avuto il sostegno di un despota illuminato, e Luigi XVI non era abbastanza despota né sufficientemente informato. La rivolta delle colonie inglesi in America nel 1775, scaldato gli spiriti in Francia. Ogni partito ha voluto cancellare la memoria della Guerra dei Sette Anni disastrosi. Il 9 maggio 1776, un consiglio segreto, che Turgot è stata esclusa ingresso deciso in guerra, il 12, il Controllore Generale è stato sparato allo stesso tempo come Malesherbes Keeper, dopo un ministero di meno di due anni. Con l'aiuto francese, gli insorti hanno prevalso in America e il Trattato di Versailles (1783) hanno riconosciuto l'indipendenza degli Stati Uniti. Ma la Francia aveva guadagnato poco in questa guerra che ha aumentato la difficoltà finanziaria dello Stato. Necker, successore di Turgot 1777-1781 aveva anche cedere alla coalizione privilegiata. La crisi finanziaria si approfondisce, il re chiamato Assemblea dei Notabili (1787), che ha rifiutato le modifiche necessarie. Necker, ha ricordato to Business (1788), è stata decisa dal re convocato gli Stati Generali, il primo dal 1614. La prima parte del regno di Luigi XVI è stato caratterizzato da molte riforme: istituzione Monte di Pietà (1777), abolizione della servitù della gleba nel dominio reale (1779), soppressione della pre-edizione (1780), creando l' School of Mines (1783), l'inizio della diga Cherbourg e il Canal du Centre (1784), libero commercio dei cereali (1787) editto di tolleranza per i protestanti (1788). In generale, una generazione di amministratori di alta classe continua l'opera dei loro predecessori del regno di Luigi XV. Ma queste riforme non sono stati sufficienti a fermare la marcia del tempo. Quando lei indicò ai suoi rappresentanti, la nazione ripudiato amministratori illuminati dal consiglio di amministrazione e borse di studio. Dal 1789 al 1792, in soli tre anni, l'antico edificio politico e sociale è crollato irrimediabilmente. Gigante del Grand Siècle aveva vissuto. Apri 5 maggio 1789, ha dichiarato gli Stati Generali Assemblea nazionale il 17 giugno e il 4 agosto, abolito gli antichi privilegi. Tuttavia, i fratelli del re lasciato la Francia. Nel mese di ottobre, la famiglia reale fu riportato a Parigi e l'Assemblea lo seguì: adesso, la storia della Francia stava per fare nella Capitale. La rivoluzione è proseguita e, nel tempo, Luigi XVI, che ha approvato la bocca trasformazioni in atto, era più che il giocattolo di eventi. Tornato a Parigi dopo il fallimento della sua fuga all'estero (giugno 1791), ha dovuto punire la nuova costituzione che ha ridotto il grado di primo ufficiale dello Stato. La guerra contro l'Austria, voluto da Luigi XVI (aprile 1792), precipitato la caduta del regime. Accusato di doppiezza, il re fu deposto dalle rivolte di Parigi e il legislatore ha dovuto approvare l'abolizione della monarchia (10 agosto 1792) prima di dare il via ad una Convenzione nazionale. Era prima che questo organismo ha avuto luogo il processo del Re (dicembre 1792-1793), che fu condannato a morte, fu giustiziato 21 gennaio 1793. Con il regno di Luigi XVI finisce davvero la storia della monarchia francese. Non c'è dubbio che ci saranno ancora i re di Francia, un restauro, questa "commedia di quindici anni," un re francese, due imperatori, probabilmente la Francia ha messo un secolo per essere definitivamente nella Repubblica, ma c va bene nel 1792, che ha rotto la catena del tempo, ininterrottamente per quindici secoli, allo stesso tempo, che ha rotto il legame d'amore tra il monarca e sudditi. Coerentemente inferiore al loro posto di lavoro dopo la loro ascesa al trono, Luigi XVI e sua moglie hanno testimoniato di dignità e di coraggio eccezionale appena stavano andando verso il basso. Il loro lungo martirio di agosto 1792 al luglio 1793, la corona di una monarchia, fin dalla nascita, era stato orgoglioso di essere tutti cristiani.

Se usi cgbfr.it, accetti il modo in cui usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza.

x
Would you like to visit our site in English? www.cgbfr.com