+ Filtri
Nuova Ricerca
Filtri
Disponibile Parole esatte Solo nel titolo
e-shopCaricamento...
QualitàCaricamento...
PrezzoCaricamento...

bry_524405 - LOUIS XV "THE WELL-BELOVED" Demi-sol au buste enfantin 1722 La Rochelle

LOUIS XV  THE WELL-BELOVED  Demi-sol au buste enfantin 1722 La Rochelle q.BB/BB
non disponibile.
Articolo venduto sul nostro negozio (2019)
Prezzo : 250.00 €
Tipo : Demi-sol au buste enfantin
Data: 1722 
Nome della officina / città: La Rochelle
Metallo : rame
Diametro : 26 mm
Asse di coniazione : 6 h.
Peso : 6,63 g.
Orlo : lisse
Commenti sullo stato di conservazione:
Poids lourd. Monnaie frappée sur un flan légèrement irrégulier. Usure régulière et aspect poreux. Patine hétérogène
N° nelle opere di riferimento :
Pedigree :
Cet exemplaire provient de la collection YLT

Diritto


Titolatura diritto : LVDOVICUS XV. DEI GRATIA (MM).
Descrittivo diritto : Tête nue, enfantine du Louis XV à droite ; au-dessous (Mg).
Traduzione diritto : (Louis XV, par la grâce).

Rovescio


Titolatura rovescio : .FRANCIÆ ET. - H - .NAVARRÆ REX. 17-22.
Descrittivo rovescio : Écu de France couronné.
Traduzione rovescio : (Roi de France et de Navarre).

Cronistoria


LOUIS XV "THE WELL-BELOVED"

(01/09/1715-10/05/1774)

Nato a Versailles nel 1710, Luigi XV era figlio di Luigi, duca di Borgogna, e di Maria Adelaide di Savoia. Successe al bisnonno nel 1715, a causa della morte prematura del nonno, il Gran Delfino, e del padre. Durante la minore età del re, la reggenza passò a Filippo, duca d'Orléans, nipote di Luigi XIV.. Dopo uno sfortunato tentativo di governo da parte di consigli sostitutivi dei segretari di stato (le Polysynodie, 1715-1718), il reggente tornò alle massime dello zio e conservò l'autorità monarchica. Le vere novità della reggenza furono nel fallito tentativo di riforma economico-finanziaria (ordinamento giuridico) e in una liberalizzazione della morale e in un diverso orientamento della letteratura, in reazione al rigorismo del secolo precedente.. Maggiore, Luigi XV fu incoronato a Reims nel 1722. Poi si succedettero come primi ministri: il duca d'Orléans (1722-1723), il duca di Borbone (1723-1726) e il cardinale de Fleury, già precettore del re (1726-1743). Questo periodo fu segnato dalla guerra di successione polacca (1733-1738), che permise alla Francia di porre a capo della Lorena il detronizzato re di Polonia, Stanislao, suocero di Luigi XV e, infine, di impadronirsi il ducato. Il ministero di Fleury, di spirito pacifico, fu per la Francia un periodo di ripresa dopo le fatiche del regno precedente.. Iniziata sotto Fleury, la guerra di successione austriaca (1741-1748) ebbe esiti meno felici, la pace di Aix-la-Chapelle ci fece rinunciare alle conquiste di Maurizio di Sassonia nei Paesi Bassi. Fu durante questa guerra che Luigi, avendo cominciato a governare, conobbe l'apice della sua popolarità, soprattutto durante la sua malattia a Metz (1744). La guerra dei sette anni (1756-1763) sarà completamente disastrosa. Con il Trattato di Parigi, la Francia perde il Canada e le Indie. L'annessione della Corsica, nel 1769, fu un successo tardivo e minore. L'Inghilterra trionfò nella sua secolare lotta per il dominio atlantico. L'alleanza austriaca si era rivelata di scarsa utilità e l'emergere della Prussia fece apparire una nuova minaccia, la cui piena portata si rivelò nel secolo successivo.. All'interno, i ministeri successivi si scontrarono con l'opposizione dei parlamenti, in particolare del Parlamento di Parigi, e con la permanenza del movimento giansenista. La politica di fermezza attuata tra il 1770 e il 1774, non riuscì a riscattare le esitazioni dei decenni precedenti. In questo secolo dei lumi, il divario tra la vecchia religione monarchica e la pratica autoritaria del potere, da un lato, e l'evoluzione delle menti e dei costumi, dall'altro, non ha mai smesso di crescere.. Il potere regio si congelò nella ripetizione servile delle massime di governo proprie di Luigi XIV.. Luigi XV e Luigi XVI non avevano l'aura del loro antenato: fluttuavano in questo mantello di gloria troppo largo per loro. Dall'interno la "vecchia macchina" dava segni di disordine, instabilità e simultaneo dispotismo ministeriale, regno dei favoriti. Un malessere è apparso nelle élite; la nobiltà, la carica, il servizio militare non erano più i valori sicuri di un tempo. L'opinione pubblica divenne una forza. Mentre il potere politico tendeva all'immobilità, la macchina amministrativa si ammodernava, per amore del controllo, della misura, della buona gestione. Il regno di Luigi XV fu per la Francia un'epoca di prosperità e sviluppo economico, insieme a quella di un'estrema fioritura delle arti, delle lettere e delle scienze.. Da Marie Leczynska, sposata nel 1725, Luigi XV ebbe un figlio, Luigi, nato nel 1729, che morì nel 1765, lasciandosi tre figli: il futuro Luigi XVI, Luigi XVIII e Carlo X.

cgb.fr uses cookies to guarantee a better user experience and to carry out statistics of visits.
To remove the banner, you must accept or refuse their use by clicking on the corresponding buttons.

x
Would you like to visit our site in English? https://www.cgbfr.com