+ Filtri
Nuova Ricerca
Filtri
Disponibile Parole esatte Solo nel titolo
e-shopCaricamento...
QualitàCaricamento...
PrezzoCaricamento...

bry_830659 - LOUIS XIII Huitième d'écu de Béarn 1619 Morlaàs

LOUIS XIII  Huitième d écu de Béarn 1619 Morlaàs q.BB/BB
220.00 €
Quantità
Aggiungi al carrelloAggiungi al carrello
Tipo : Huitième d'écu de Béarn
Data: 1619 
Nome della officina / città: Morlaàs
Metallo : argento
Titolo in millesimi : 917 ‰
Diametro : 24,5 mm
Asse di coniazione : 12 h.
Peso : 4,52 g.
Grado di rarità : R2
Commenti sullo stato di conservazione:
Ce huitième d’écu est frappé sur un flan irrégulier. Monnaie recouverte d’une légère patine grise sur lequel la lecture du 9 du millésime est incertaine. Le droit est tréflé
N° nelle opere di riferimento :

Diritto


Titolatura diritto : .LVDOVICVS. XIII. D. G. FRANC. ET. N. REX. (D ET B LIÉS).
Descrittivo diritto : Croix fleurdelisée.
Traduzione diritto : (Louis XIII, par la grâce de Dieu, roi de France et de Navarre, seigneur de Béarn).

Rovescio


Titolatura rovescio : ..(MM)* GRATIA. DEI. SVM[. I]D. Q. [SVM. 16]19..
Descrittivo rovescio : Écu couronné, parti de France, mi-coupé de Navarre-Béarn accosté de V-III.
Traduzione rovescio : (Grâce à Dieu, je suis ce que je suis).

Cronistoria


LOUIS XIII

(14/05/1610-14/05/1643)

Figlio di Enrico IV e di Maria de' Medici, Luigi XIII nacque a Fontainebleau nel 1601. Re nel 1610, regnò prima sotto la reggenza di sua madre, che seguì una politica di conciliazione con la Spagna e inondò i Grandi di favori per assicurare loro la pace.. Gli Stati Generali, riuniti nel 1614-1615, mostrarono la disunione degli Ordini e l'impossibilità di riforme finanziarie. Il favorito del reggente, Concino Concini, marchese di Ancre, fu a capo degli affari fino al 1617, data del suo assassinio per ordine del re.. Il nuovo favorito, Albert de Luynes, ricevette la dignità di conestabile e governò fino alla sua morte prima di Montauban nel 1621, continuando una politica estera favorevole agli Asburgo.. Tornata al potere, la regina-madre portò nel Concilio una delle sue creature, Richelieu, già vescovo di Luçon.. Dal 1626 e fino alla fine del regno, Richelieu fu, come Primo Ministro, il padrone assoluto dello Stato.. Le successive trame di Maria de' Medici, Gaston d'Orléans, Anna d'Austria e Cinq-Mars non riuscirono a vincere il favore del cardinale. Sottomise il partito protestante (presa di La Rochelle, 1628, editto di grazia di Alès, 1629) e portò la Francia nella Guerra dei Trent'anni, guerra prima coperta (1630) poi aperta (1635). Questa lunga impresa di "abbassamento della Casa d'Austria" durò fino al 1659.. Richelieu non ne vide la fine, ma poté assistere alla conquista dell'Artois, dell'Alsazia e del Rossiglione. Con gli anni Trenta del Seicento si verificò una "rivoluzione nell'arte di governare" corrispondente al ministero di Richelieu e all'entrata della Francia nella Guerra dei Trent'anni.. Nel contesto della "rivoluzione militare" del XVII secolo (decuplicazione numerica, preponderanza di fanteria e armi da fuoco, fortificazione bastionata), lo sforzo bellico senza precedenti imponeva e giustificava uno Stato onnipotente, mosso dalla sola ragion di Stato. "Gigante del grande secolo", studiato dagli anglosassoni più che dagli storici di Francia, l'esercito francese divenne un Leviatano armato; la tassa che la nutre pesava come non mai. L'esercizio del potere guadagnò in efficienza, con l'organizzazione del Consiglio di Stato e l'istituzione degli intendenti. Viene messo in atto un primo controllo dell'opinione e del linguaggio (istituzione dell'Accademia di Francia, creazione della Gazette de France). Il potere tendeva anche alla brutalità: evocando i primi anni Trenta del Seicento, Omer Talon scrive che "volevamo le cose per autorità e non per concerto". La Fronda appare come una reazione fallita a questi cambiamenti troppo rapidi. Re guerriero, re impregnato dei suoi doveri, Luigi XIII lasciò fare tutto al Gran Cardinale pur mantenendo la direzione degli eserciti, che guidò con coraggio (assedio di La Rochelle, 1628, affare del Passo di Susa, 1629, conquista del Rossiglione, 1642). Ha usato Richelieu senza piacergli, ma dopo la sua morte nel 1642 ha mantenuto i suoi ministri e ha continuato la sua politica fino alla sua morte l'anno successivo.. Da Anna d'Austria sposata nel 1614, ebbe due figli, Luigi XIV e Filippo d'Orléans.

cgb.fr uses cookies to guarantee a better user experience and to carry out statistics of visits.
To remove the banner, you must accept or refuse their use by clicking on the corresponding buttons.

x
Would you like to visit our site in English? https://www.cgbfr.com