+ Filtri
Nuova Ricerca
Filtri
Disponibile Parole esatte Solo nel titolo
e-shopCaricamento...
QualitàCaricamento...
PrezzoCaricamento...

E-auction 545-470782 - fjt_769055 - DIJON (MAIRES DE ... et divers) Claude-Emmanuel de Mongey 1649

DIJON (MAIRES DE ... et divers) Claude-Emmanuel de Mongey BB
Devi Sign-in ed essere un offerente approvato fare un'offerta, Login per fare offerte. Conti sono soggetti ad approvazione e di approvazione sono raggiunti entro 48 ore. Non aspettare fino al giorno di una vendita si chiude per registrarti.Confermando la tua offerta su questo oggetto ti impegni ad un contratto legalmente vincolante per l'acquisto di questo prodotto e fare clic su «offerta» costituisce accettazione dei termini di utilizzo de e-auctions cgb.fr. Offerta deve essere collocato in euro gli importi interi vendita only.The si chiuderà al momento sulla descrizione dell'oggetto, eventuali offerte pervenute al sito dopo l'orario di chiusura non verranno eseguite. Volte transmition possono variare e le offerte potrebbero essere respinto se si attende per gli ultimi secondi. Per ulteriori informazioni ckeck le FAQ.

SENZA COSTI PER GLI ACQUIRENTI.
Valutazione : 45 €
Prezzo : 25 €
Offerta maxima : 31 €
Data di fine vendita : 25 settembre 2023 19:10:40
partecipanti : 4 partecipanti
Tipo : Claude-Emmanuel de Mongey
Data: 1649
Metallo : ottone
Diametro : 26 mm
Asse di coniazione : 12 h.
Peso : 7,23 g.
Orlo : lisse
N° nelle opere di riferimento :
F.10031  - Corre.3505  -  Amanton pl.VIII, n°77

Diritto


Titolatura diritto : NVLLA. PERIT. VITAE. PARS.
Descrittivo diritto : Armes de Charles-Emmanuel Mongey : d'azur à la bande d'or, avec un cimier et une colombe naissante d'argent.
Traduzione diritto : Il vit toujours.

Rovescio


Titolatura rovescio : CHA. EMA. DE. MONGEY. C. EN. PARL. VIC. MAIEUR. DE. DIION - 1649 SOUS L'ÉCU.
Descrittivo rovescio : Armes de Dijon.

Commento


Charles-Emmanuel de Mongey, seigneur d’Ozan, conseiller au Parlement, fut élu maire le 21 juin 1649
Les maires de Dijon
Dès l’époque de la naissance de la féodalité, la ville de Dijon possédait un maire et en général vingt magistrats municipaux, ou échevins. Ces magistrats sont confirmés en 1187, lorsqu’une charte de commune est accordée par le duc Hugues III. En 1192, pour la première fois, le maire dijonnais est élu.
A la fin du XIIIe siècle, ce maire prend le titre de vicomte maïeur, confirmé en 1477-1479 par Louis XI, qu’il gardera jusqu’en 1789. Depuis la fin du XVe siècle (1491), la charge de vicomte maïeur est anoblissante ainsi que celle d’échevin à compter du XVIe siècle. Le vicomte maïeur avait le droit de haute, moyenne et basse justice, le droit de scel et de visite. Les clefs de la ville lui sont confiées et il dirige les archers ainsi que les compagnies des sept quartiers, cette fonction militaire étant importante jusqu’au XVIIe siècle.
Fonction élective, le vicomte maïeur est élu par les habitants, ni mendiants, ni étrangers, qui payent la taille, en général la veille de la Saint-Jean. Cette élection a lieu sur le parvis de l'église saint Philibert. A partir de 1669, il est permis au maire de porter "une robe longue de satin plein, de couleur violet, doublée de satin rouge cramoisi, comme le prévôt des marchands de Lyon, avec chaperon de même étoffe et couleur bordée d’hermine" afin de se distinguer des habitants.
En 1692, la fonction de vicomte maïeur est transformée en office héréditaire tandis que l’élection n’est plus alors qu’une confirmation du choix royal fait par le gouverneur au nom du roi.
Voir leur liste complète à http://fr.wikipedia.org/wiki/Liste_des_maires_de_Dijon.

Cronistoria


DIJON (MAIRES DE ... et divers)

La città di Digione aveva un sindaco e in generale venti magistrati o assessori comunali fin dalla nascita del feudalesimo.. Questi magistrati vengono confermati nel 1187, quando viene concesso uno Statuto di comune dal duca Hugues III. Alla fine del XIII secolo, questo sindaco assunse il titolo di sindaco visconte, confermato nel 1477-1479 da Luigi XI, che mantenne fino al 1789.. Dalla fine del XV secolo (1491), la carica di visconte Maïeur è stata nobilitata così come quella di assessore dal XVI secolo.. Il visconte Maïeur aveva il diritto di alta, media e bassa giustizia, il diritto di sigillo e di visita. A lui sono affidate le chiavi della città e dirige gli arcieri e le compagnie dei sette rioni, funzione militare importante fino al XVII secolo. Funzione elettiva, il visconte Maïeur è eletto dagli abitanti, né mendicanti né stranieri, che pagano la taglia, generalmente alla vigilia di San Giovanni. Dal 1669 gli fu permesso di indossare “una lunga veste di raso pieno, di colore viola, foderata di raso rosso cremisi, come il prevosto dei mercanti di Lione, con un cappuccio dello stesso tessuto e colore bordato di ermellino” per per distinguersi dalla gente del posto. Nel 1692 la funzione di visconte Maïeur fu creata come carica ereditaria mentre l'elezione non era più una conferma della scelta reale fatta dal governatore in nome del re.. Rappresentato sui sigilli, il visconte Maïeur fece poi apparire il suo stemma sui gettoni dal 1553, poi le sue iniziali furono rapidamente sostituite dal suo titolo e nome.. Questi gettoni sono originariamente destinati a fare i conti che indicano abbastanza bene le legende dei primi gettoni POR CAMERA COMPOTORUM CITY, Per la camera dei conti della città poi PRO RATION REDD. URB. DIVISIONE. , Per la responsabilità della città di Dijon. Diventano rapidamente un pagamento per il diritto di presenza come possono essere i diritti di spezie, candele, ecc.. . Alla fine del XVII secolo compaiono in questa serie i gettoni d'argento e si può presumere che la loro funzione sia ormai solo rappresentativa.. Bibliografia: Collezione di lastre incise dalla collezione di gettoni delle città e dei sindaci di Digione, Beaune e Auxonne, dal gabinetto di C.. -NON. Amanton, Dijon, 1824 (stampato a 20 ex. ) ed edizione di Henri Baudot e F. Rabut secondo Ferdinand Amanton, Riepilogo storico e cronologico dell'istituzione del comune e dei sindaci visconti o sindaci di Digione, sulle attribuzioni assegnate a questi magistrati e sulla pratica consolidata di colpire gettoni durante l'amministrazione di ciascuno di essi, pubblicato nelle Memorie della Commissione delle Antichità della Côte-d'Or, Volume VIII, 1870-1873.

cgb.fr uses cookies to guarantee a better user experience and to carry out statistics of visits.
To remove the banner, you must accept or refuse their use by clicking on the corresponding buttons.

x
Would you like to visit our site in English? https://www.cgbfr.com