+ Filtri
Nuova Ricerca
Filtri
Disponibile Parole esatte Solo nel titolo
e-shopCaricamento...
QualitàCaricamento...
PrezzoCaricamento...

Live auction - bry_468862 - CHARLES IX Écu d'or au soleil, 1er type 1570 La Rochelle

CHARLES IX Écu d or au soleil, 1er type 1570 La Rochelle q.SPL
Devi Sign-in ed essere un offerente approvato fare un'offerta, Login per fare offerte. Conti sono soggetti ad approvazione e di approvazione sono raggiunti entro 48 ore. Non aspettare fino al giorno di una vendita si chiude per registrarti.Confermando la tua offerta su questo oggetto ti impegni ad un contratto legalmente vincolante per l'acquisto di questo prodotto e fare clic su «offerta» costituisce accettazione dei termini di utilizzo de live auctions cgb.fr. Offerta deve essere collocato in euro gli importi interi vendita only.The si chiuderà al momento sulla descrizione dell'oggetto, eventuali offerte pervenute al sito dopo l'orario di chiusura non verranno eseguite. Volte transmition possono variare e le offerte potrebbero essere respinto se si attende per gli ultimi secondi. Per ulteriori informazioni ckeck le FAQ Live auction.

Le offerte vincenti saranno sottomesse ai 18% per spese di compartecipazione alla vendita.
Valutazione : 1 100 €
Prezzo : no offerta
Offerta maxima : no offerta
Data di fine vendita : 06 marzo 2018 16:45:25
Tipo : Écu d'or au soleil, 1er type
Data: 1570 
Nome della officina / città: La Rochelle
Quantità coniata : 1974
Metallo : oro
Titolo in millesimi : 958 ‰
Diametro : 24,5 mm
Asse di coniazione : 3 h.
Peso : 3,35 g.
Grado di rarità : R3
Commenti sullo stato di conservazione:
Cet écu d’or est frappé sur un flan voilé et irrégulier. Le revers a été frappé avec un carré présentant une cassure sur le bras droit de la croix
N° nelle opere di riferimento :

Diritto


Titolatura diritto : (SOLEIL) CAROLVS. IX. D. G. FRANCO. REX. 1570..
Descrittivo diritto : Écu de France couronné.
Traduzione diritto : (Charles IX, par la grâce de Dieu, roi des Francs).

Rovescio


Titolatura rovescio : + CHRISTVS. REGNAT. VINCIT. ET. IMPERAT.
Descrittivo rovescio : Croix fleurdelisée avec différent d'atelier dans un losange incurvé en cœur.
Traduzione rovescio : (Le Christ règne, vainc et commande).

Cronistoria


CHARLES IX

(05/12/1560-30/05/1574)

Nato a Saint-Germain-en-Laye nel 1550, figlio di Enrico II e Caterina de Medici, Carlo IX successe al fratello Francesco II nel 1560, all'età di dieci anni.. Sua madre quindi esercitò la reggenza, e suo cugino Antoine de Bourbon la luogotenenza generale del regno.. Il suo "regno" iniziò con l'assemblea degli Stati Generali a Orléans nel dicembre 1560 - gennaio 1561 e il colloquio di Poissy (ottobre 1561), che permise il confronto tra idee cattoliche e protestanti.. Nel gennaio 1562, l'editto di Saint-Germain concesse ai riformati quasi la libertà di culto al di fuori delle città chiuse.. La guerra civile tra protestanti e cattolici iniziò con la strage di Wassy (marzo 1562), dove il duca di Guisa uccise i riformatori riuniti in un fienile. In risposta, il principe di Condé prese le armi e conquistò diverse città. Costretta a schierarsi, Caterina si mise alla testa dei cattolici. I massacri hanno risposto ai massacri e i protestanti hanno profanato chiese e tombe. Tutta la Francia fu presto devastata dalle truppe l'una dell'altra. Nella battaglia di Dreux (dicembre 1562), Guisa diede la vittoria al campo cattolico, ma fu assassinato pochi mesi dopo, nel febbraio 1563. L'editto di pacificazione di Amboise, nel marzo 1563, fu negoziato da Montmorency, per i cattolici, e Condé, per i protestanti. Ha dato libertà di culto ai nobili e in una città per baliato. Carlo IX fu proclamato maggiorenne nel 1563 e sua madre cercò quindi di ripristinare l'autorità reale. L'ordinanza di Moulins (1566) diminuì notevolmente il potere dei parlamenti e dei governatori. Per ristabilire l'armonia, la regina-madre portò il figlio in un lungo viaggio in Francia (1564) e condusse una brillante vita di corte.. Insoddisfatti del riavvicinamento del potere reale con la Spagna, insoddisfatti dell'applicazione degli editti, i protestanti progettarono di impadronirsi della persona del re. La corte si rifugiò a Meaux poi andò a Parigi (settembre 1567). Dopo una breve tregua, i disordini e le stragi ripresero con rinnovato vigore.. I protestanti bloccarono Parigi e combatterono l'indecisa battaglia di Saint-Denis (novembre 1567), dove Montmorency fu ucciso. Il secondo figlio di Caterina, Enrico d'Angiò, prese quindi il comando degli eserciti reali.. La pace fu firmata a Longjumeau nel marzo 1568: furono ripristinate le disposizioni dell'editto di Amboise. Nel contesto della reazione tridentina, il partito cattolico cominciò allora a riprendere il sopravvento. Gli ordini mendicanti e gesuiti hanno diffuso gli slogan. Furono create confraternite armate. Il duca d'Angiò sconfisse e uccise Condé a Jarnac (marzo 1569). Nonostante l'aiuto dei protestanti dalla Germania, i protestanti furono sconfitti una seconda volta a Moncontour (ottobre 1569). Un nuovo editto di pacificazione, firmato a Saint-Germain, intervenne nell'agosto del 1570: i protestanti ricevettero quattro città sicure: La Rochelle, Montauban, La Charité e Cognac. I signori riformati riapparvero a corte e Coligny divenne il favorito di Carlo IX. Gelosa di questa competizione, Catherine ha risolto la perdita dell'ammiraglio. Grazie al matrimonio di Henri de Navarre, capo nominale del partito protestante, con Marguerite de Valois, il partito cattolico approfittò del raduno a Parigi di molti capi riformati: fu la strage di Saint-Barthélemy (24 agosto 1572). Il re e sua madre si erano lasciati coinvolgere nella vicenda, dove la furia collettiva fece la principale delle duemila vittime.. La guerra riprese, inespiabile. Il Sud si era ribellato, con la complicità di Montmorency-Damville, governatore della Linguadoca. L'editto di Boulogne (luglio 1573), che concedeva la libertà di coscienza e assicurava la libertà di culto a La Rochelle ea Montauban, non poteva porre fine alla guerra.. Re di un regno lacerato, giocattolo degli eventi, Carlo morì senza eredi maschi il 30 maggio 1574, lasciando la corona al fratello minore, Enrico, re di Polonia.

cgb.fr uses cookies to guarantee a better user experience and to carry out statistics of visits.
To remove the banner, you must accept or refuse their use by clicking on the corresponding buttons.

x
Would you like to visit our site in English? https://www.cgbfr.com