+ Filtri
Nuova Ricerca
Filtri
Disponibile Parole esatte Solo nel titolo
e-shopCaricamento...
QualitàCaricamento...
PrezzoCaricamento...

Live auction - bgr_885891 - CALABRIA - TARENTUM Nomos ou didrachme

CALABRIA - TARENTUM Nomos ou didrachme q.SPL
Devi Sign-in ed essere un offerente approvato fare un'offerta, Login per fare offerte. Conti sono soggetti ad approvazione e di approvazione sono raggiunti entro 48 ore. Non aspettare fino al giorno di una vendita si chiude per registrarti.Confermando la tua offerta su questo oggetto ti impegni ad un contratto legalmente vincolante per l'acquisto di questo prodotto e fare clic su «offerta» costituisce accettazione dei termini di utilizzo de live auctions cgb.fr. Offerta deve essere collocato in euro gli importi interi vendita only.The si chiuderà al momento sulla descrizione dell'oggetto, eventuali offerte pervenute al sito dopo l'orario di chiusura non verranno eseguite. Volte transmition possono variare e le offerte potrebbero essere respinto se si attende per gli ultimi secondi. Per ulteriori informazioni ckeck le FAQ Live auction.

Le offerte vincenti saranno sottomesse ai 18% per spese di compartecipazione alla vendita.
Valutazione : 680 €
Prezzo : 340 €
Offerta maxima : 340 €
Data di fine vendita : 09 luglio 2024 14:00:40
partecipanti : 1 partecipanto
Tipo : Nomos ou didrachme
Data: c. 390-385 AC.
Nome della officina / città: Tarente, Calabre
Metallo : argento
Diametro : 21 mm
Asse di coniazione : 10 h.
Peso : 7,69 g.
Grado di rarità : R2
Commenti sullo stato di conservazione:
Bel exemplaire, centré des deux côtés, présentant une fine usure régulière. Patine grise
N° nelle opere di riferimento :

Diritto


Descrittivo diritto : Cavalier nu passant à droite, sur un cheval cabré.
Legenda diritto : IW/ IALO.

Rovescio


Descrittivo rovescio : Taras chevauchant un dauphin à gauche, tenant un aphlaston.
Legenda rovescio : TARAS.
Traduzione rovescio : (Tarente).

Cronistoria


CALABRIA - TARENTUM

(V - III secolo a.C.)

Taranto, fondata intorno al 706 a.C. -VS. dai Partenopei, fu l'unica colonia di Sparta. Infatti, secondo la mitologia, la città fu fondata da Phalanthos, per ordine dell'oracolo di Delfi, non lontano dalla foce del fiume Taras.. Un'altra antica tradizione narra come la città fu fondata da Taras che era figlio di Poseidone e della ninfa Satira. Fu salvato durante un naufragio da un delfino che lo depose vicino alla futura città e il suo nome designa la città. Si è scoperto che i due eroi erano confusi. Taranto era l'unica città importante di questa regione chiamata Calabria dai Romani e distretti di Messapia e Iapigia dai Greci. La nuova colonia prosperò rapidamente e divenne uno dei porti più importanti del Mediterraneo occidentale grazie ai numerosi vantaggi, legati alla sua posizione geografica, alla ricchezza del suo entroterra con terreni coltivabili, rinomati allevamenti, la lavorazione della lana. I Tarentini erano famosi allevatori e allenatori di capelli. Ma era famosa anche per il suo vasto porto sicuro che le consentiva di allacciare proficui rapporti con i suoi vicini e ne fece uno dei principali porti del Mediterraneo occidentale.. La città era riconosciuta anche per la qualità della sua porpora, prodotta grazie alla raccolta del murex, una conchiglia che permetteva di ottenere la particolarissima colorazione. Il sistema politico di Taranto doveva essere modellato su quello della sua metropoli Sparta ed Erodoto (I, 36) indica un re contemporaneo di Dario I (521-486 aC).. -VS. ). Vi si celebrava il culto di Apollo Giacinto e la sua origine spartana è innegabile. Dal 380 a.C. -VS. , i destini di Taranto si trovarono nelle mani di Archita di Taranto (460-360 a.C.. -VS. ), filosofo pitagorico, amico di Platone, matematico, astronomo, uomo politico e generale che fu posto sette volte a capo della sua città. Viene dato per l'inventore della vite, della puleggia, del sonaglio e dell'aquilone. Orazio gli ha dedicato un'ode. La fondazione panellenica di Thurium nel 443 a.C. -VS. aveva dato vita ad un conflitto che avrebbe opposto Taranto ad Atene per più di trent'anni a partire dal 436 a.C. -VS. Le due città rivali avevano finito per fondare Eraclea nel 432 a.C.. -VS. , tuttavia sotto l'influenza tarantina. I Tarentini finirono per imporsi sulle città di Métaponte e Siris. Archita, nella prima metà del IV secolo a.C. -VS. , divenne lo stratega della confederazione italiota la cui capitale era Eraclea e che comprendeva, oltre a Taranto, Metaponto e Thurium, Crotona, Velia e Napoli. Questo periodo dell'egemonia tarentina terminò con la morte di Archita e fu il punto di partenza per gli interventi di generali mercenari come Archidamo di Sparta, Alessandro il Molosso o Pirro dell'Epiro.. Taranto dovette combattere contro i Lucani e fece appello nel 345 a.C. -VS. ad Archidamo, re di Sparta. Quest'ultimo cercò di contenere la progressione delle tribù lucane. Sfortunatamente, Archidamo fu sconfitto e ucciso nella battaglia di Manduria nel 338 a.C.. -VS. La morte di Archidamo costrinse i Tarentini a trovare un nuovo alleato per contenere i loro turbolenti vicini. Si appellarono ad Alessandro il Molosso, re dell'Epiro e cognato di Alessandro III il Grande di Macedonia. Arrivato nell'Italia meridionale, Alessandro il Molosso dovette combattere contro le tribù dell'Italia meridionale della Lucania e della Puglia, desiderose di costruire un regno in Magna Grecia.. Dopo la morte di Alessandro d'Epiro (330 a.C. -VS. ), i Tarentini continuarono ad affrontare le tribù della Lucania e del Bruttium alle quali si aggiunsero i Romani. Questa volta si sono rivolti a Kleonymos di Sparta per liberarli da questo doppio pericolo.. Taranto e Roma avevano firmato un trattato navale nel 303 a.C. -VS. sulla neutralità dei Tarentini in cambio del rispetto dell'integrità territoriale della loro città da parte degli eserciti romani. Tra la partenza di Kleonymos da Sparta nel 302 a.C. -VS. e l'arrivo di Pirro, re dell'Epiro vent'anni dopo, la storia di Taranto e del suo territorio rimane poco conosciuta con molte zone d'ombra sul piano storico e monetario. L'intervento del monarca epirote segnerà l'inizio del declino della città tarentina.. Dopo l'arrivo di Pirro in Italia nel 281 a.C. -VS. , Console L.. Emilio Barbula devastò il territorio dei Tarentini dopo la distruzione di uno squadrone romano nel Golfo di Taranto. Pirro, grazie ai suoi elefanti e alla sorpresa generale, vinse l'indecisa battaglia di Eraclea nel 279 a.C.. -VS. da qui l'espressione "vittoria di Pirro" che equivale a una vittoria che lascia il vincitore così sfinito che una sconfitta non lo avrebbe più indebolito. Dopo la vittoria di Ascoli nel 279 a.C. -VS. , Pirro non riuscì a ottenere una vittoria decisiva sui romani, si arrabbiò con i suoi alleati greci e siracusani e fu infine sconfitto a Benevento nel 275 a.C.. -VS. Si ritirò in Epiro, dove alla fine fu assassinato. Dopo la partenza di Pirro, Taranto si sottomise a Roma. Nel 272 a.C. -VS. , si arrese, dopo un lungo assedio, al console Lucio Papirio Cursore. Sotto la guida del console Spurio Carvilio Massimo, Taranto divenne città alleata di Roma, conobbe un grande periodo di prosperità che durò fino alla seconda guerra punica (221-202 aC).. -VS. ). Taranto, inizialmente alleata di Roma, si unì infine ad Annibale nel 213 a.C. -VS. La guarnigione romana, rifugiatasi sull'acropoli di Taranto, resistette per cinque anni. La città fu infine sottomessa da Fabio Massimo nel 209 a.C. -VS. che ridusse in schiavitù gran parte della popolazione, trentamila persone secondo Livio (XXVI, 39).

cgb.fr uses cookies to guarantee a better user experience and to carry out statistics of visits.
To remove the banner, you must accept or refuse their use by clicking on the corresponding buttons.

x
Would you like to visit our site in English? https://www.cgbfr.com