+ Filtri
Nuova Ricerca
Filtri
Disponibile Parole esatte Solo nel titolo
e-shopCaricamento...
QualitàCaricamento...
PrezzoCaricamento...

fmd_523945 - 5 francs Union et Force, Union serré, avec glands intérieurs et gland extérieur 1800 Paris F.288/126

5 francs Union et Force, Union serré, avec glands intérieurs et gland extérieur 1800 Paris F.288/126 MB
non disponibile.
Articolo venduto sul nostro negozio (2023)
Prezzo : 100.00 €
Tipo : 5 francs Union et Force, Union serré, avec glands intérieurs et gland extérieur
Data: An 8 (1799-1800)
Nome della officina / città: Paris
Quantità coniata : 1079266
Metallo : argento
Titolo in millesimi : 900 ‰
Diametro : 37,11 mm
Asse di coniazione : 6 h.
Peso : 24,61 g.
Orlo : décorée en creux : GARANTIE NATIONALE

Diritto


Titolatura diritto : UNION ET FORCE.*.
Descrittivo diritto : Hercule barbu demi-nu, debout de face avec la léonté, sur son épaule gauche une patte du lion, sur son bras et autour de sa taille la peau du lion de Némée, derrière ses jambes queue et pattes du lion, unissant la Liberté debout à gauche tournée à droite tenant une pique surmontée d'un bonnet phrygien, vêtue d'un peplos, et l'Égalité debout à droite tournée à gauche, tenant le niveau, vêtue d'un chiton ; à l'exergue Dupré signé en cursif entre deux points, légende serrée.

Rovescio


Titolatura rovescio : RÉPUBLIQUE FRANÇAISE*.
Descrittivo rovescio : 5 / FRANCS., en deux lignes ; au-dessous un trait séparatif et L'AN 8 . , le tout contenu dans une couronne composée à gauche d'une branche de laurier, à droite d'une branche de chêne avec grande feuille finale (deux glands intérieurs sur le haut de la branche de droite, un gland à l'extérieur sur le bas de cette branche), nouées à leur base par un ruban ; au-dessous la lettre d'atelier A entre deux points.

Commento


Tranche B.

Cronistoria


CONSOLATO

(9-10/11/1799-18/05/1804)

Appoggiato dai sostenitori di un potere forte, Napoleone Bonaparte, generale vittorioso nelle campagne d'Italia e d'Egitto, rovesciò il Direttorio il 18 e 19 brumaio dell'anno VIII (9 e 10 novembre 1799). La Rivoluzione è finita, il destino della Francia è ora nelle mani di un forte esecutivo. A dicembre entra in vigore una nuova costituzione, la Costituzione dell'anno VIII. Definisce i poteri e rafforza Bonaparte nel suo ruolo di uomo forte del paese: Primo Console, a capo dell'esecutivo, nomina alle principali funzioni pubbliche, detiene un certo potere di iniziativa in materia legislativa, e conserva il suo ruolo militare. Il Senato, il Tribunale e il Corpo Legislativo compongono tre assemblee che detengono l'altra parte della funzione legislativa.. L'11 novembre 1799 Bonaparte prese una decisione importante: nominò Gaudin ministro delle finanze. Costui manterrà il suo posto fino al 1 aprile 1814 e lo ritroverà durante i Cento giorni. Risanare le finanze dello Stato è la priorità numero uno del Primo Console. Così, il 18 febbraio 1800 fu creata la Banque de France. Con l'aiuto del Fondo per l'affondamento, il bilancio della Francia viene ripristinato nel 1802. E nel 1803, nell'ambito della grande riforma monetaria, rinasce il Franco, garanzia di stabilità, sotto il nome di Franc germinal. La seconda priorità di Bonaparte è la pacificazione interna del Paese minato dalle divisioni nate dalla Rivoluzione. Per riconciliare i francesi furono adottate diverse misure: libertà di culto, fine della vendita dei beni nazionali, amnistia per gli emigranti. Solo l'ovest della Francia rimane indomabile. Insurrezioni e rapine animano questa parte del territorio e compromettono le speranze del Primo Console, nonostante la firma di una tregua con i capi Chouan nel novembre 1799. Tuttavia, con il sostegno del clero, la Vandea fu pacificata nel corso del 1800. Il quadro religioso è allora definitivamente inscritto come l'elemento principale della stabilizzazione della società.. Le trattative con papa Pio VII portarono alla firma del Concordato del 1801. Sessanta vescovi, nominati da Bonaparte, e investiti dal Papa, si insediarono poi in tutto il territorio. I preti cattolici, anche nominati, sono ora dipendenti pubblici. Molti dissidenti si mobilitarono, altri continuarono a creare problemi, soprattutto in Bretagna e Normandia, dove i realisti, aiutati dall'Inghilterra, attendevano l'arrivo di Luigi XVIII.. Fuori, un'altra sfida attende Bonaparte: riportare la pace. Gli austriaci furono sconfitti a Marengo il 14 giugno 1800, poi a Hohenlinden il 3 dicembre 1800. La pace di Lunéville fu firmata il 9 febbraio 1801.. Il 25 marzo 1802 fu firmata la pace di Amiens con gli inglesi.. Nel 1802 il Consolato prese una nuova direzione, più autoritaria. I giacobini sono esclusi dalla vita politica (i più virulenti vengono arrestati da Fouché, prefetto di polizia), la stampa è controllata, i realisti braccati. È in questo contesto che fu adottata la Costituzione dell'anno X che ridusse considerevolmente i poteri delle assemblee e nominò Napoleone Bonaparte Console a vita.. Le fondamenta del primo Impero sono a posto.

cgb.fr uses cookies to guarantee a better user experience and to carry out statistics of visits.
To remove the banner, you must accept or refuse their use by clicking on the corresponding buttons.

x
Would you like to visit our site in English? https://www.cgbfr.com